LIVE ACT > merc 2/12 “La lettera – Don Lorenzo Milani a Barbiana”

La lettera. Don Lorenzo Milani a Barbiana
La Lettera. Don Lorenzo Milani a Barbiana
FONDAZIONE AIDA – TEATRO DELLE QUISQUILIE

uno spettacolo dedicato all’impegno civile del maestro di Barbiana per un’educazione diffusa quale valore universale nella formazione dell’individuo e della sua identità

mercoledì 2 dicembre 2009 ore 20.45
Teatro San Marco – Trento

Il prossimo appuntamento con Live Act, la rassegna organizzata da Teatrincorso Spazio 14 (www.spazio14.it), è in programma per mercoledì 2 dicembre 2009, presso il Teatro San Marco a Trento, alle ore 20.45.
Lo spettacolo, dal titolo La Lettera. Don Lorenzo Milani a Barbiana, è particolarmente indicato per un pubblico giovane, e racconta l’impegno civile di Don Milani a Barbiana, per un’educazione diffusa quale valore universale nella formazione dell’individuo e della sua identità.

Nel 1967 si levava da Barbiana una voce corale che puntava il dito contro una scuola giudicata classista, obsoleta e competitiva. Alla stesura di “Lettera a una professoressa” contribuirono i ragazzi della scuola di Barbiana, allenati a coltivare lo spirito critico verso ogni ambito della vita sociale, politica, economica. Faro di questo nuovo approccio all’educazione fu don Milani, esiliato in una parrocchia di montagna trasformatasi ben presto in un centro propulsore d’incontri, dibattiti, percorsi innovativi allo scopo di combattere le disuguaglianze tra oppressi e oppressori. Obiettivo principale della sua missione fu quella di dare la parola all’analfabeta per permettergli di riscattare la propria dignità e di sottrarsi a un destino di sottomissione già segnato. La lettera è l’apice di un cammino complesso e tortuoso nato dalla fatica di anni di lavoro e di studio attraverso la storia e l’umanità di molte persone. Estrarla dal contesto significherebbe toglierle gran parte della sua linfa. Lo spettacolo vuole quindi affrontare la figura di don Milani abitata da passioni forti e contrastanti e cogliere l’uomo che si nasconde dietro un grande educatore. Pur mantenendo una posizione di controllo, don Lorenzo riusciva infatti a mettersi a nudo costruendo una relazione paritaria con tutti gli allievi. Uno di loro verrà scelto per approfondire la novità del suo pensiero e l’infaticabile volontà di mettersi al servizio degli ultimi. Dal confronto tra i due emergerà un punto interrogativo sulle tendenze della scuola attuale su cui è necessario soffermarsi per non disperdere un’eredità tanto preziosa.

Firma la regia Rita Riboni, la drammaturgia Alessandra Henke, il cast è composto dagli attori: Roberto Macchi, Fabio Slemer e Massimo Lazzeri, le scenografie sono di Andrea Coppi e la produzione di Fondazione Aida e Teatro delle Quisquilie.

Lo spettacolo prevede un biglietto di ingresso (10 euro intero, 8 il ridotto, 6 il ridotto per allievi scuole di teatro, 3 euro per gli studenti dell’Università di Trento).
Live Act è un evento organizzato da Teatrincorso, C.U.C., con la collaborazione di 090909 e con il sostegno di Provincia Autonoma di Trento, Università degli Studi di Trento e Opera Universitaria di Trento.

Info
www.spazio14.it
liveactts14@gmail.com
0461 261958
346 6049354

Lascia un commento

diciassette + diciotto =